Musica

Dai..suoniamo insieme!

musica

Perché un progetto musicale?

Sin dalla nascita la realtà sonora e la musica diventano parte integrante della vita del bambino.
Ancor prima che si stabiliscano i primi contatti con l’ambiente attraverso la vista e il tatto, al bambino giungono i suoni e i rumori della vita quotidiana.
A questo sfondo sonoro si aggiungono le prime canzoni e melodie che il bambino ascolta e che costituiscono un punto di partenza per lo sviluppo della sua sensibilità, del suo orecchio e della sua musicalità.  Il bambino comincia ad esplorare le potenzialità sonore del corpo e degli oggetti.
bimbi-suonanoIl suono come la forma, il colore, il tatto,         il sapore, l’odore è una delle fonti primarie del conoscere e ancor prima di essere considerata essenziale allo sviluppo cognitivo,  la musica fa parte del vissuto emotivo del bimbo.           E’ chiaro quindi che una buona educazione musicale gli permetterà di esprimere liberamente la ricchezza multiforme del suo mondo interiore.

Alla luce di queste premesse e in relazione ai programmi delle scuole materne, tale progetto, rivolto a bambini grandi e mezzani, è l’inizio di un percorso (che dovrebbe continuare per tutta la vita) che non vuole solo avviare il bambino al grande universo musicale, bensì contribuire con efficacia alla sua formazione e alla sua crescita globale.

LABORATORIO MUSICALE PER I “GRANDI” e  “MEZZANI”

a cura del

CORPO MUSICALE ANGERESE SANTA CECILIA

logo-banda

Alla scoperta della musica….alla scoperta della banda.

Questo laboratorio musicale è stato pensato per avvicinare i bimbi “grandi” e “mezzani” della scuola materna alla musica, portandoli alla scoperta della banda musicale e di tutti i suoi componenti.

Il progetto sarà basato principalmente:

  • Distinzione tra suono e rumore
  •  Ascolto e distinzione di volume e altezza dei suoni;
  •  Riconoscimento e riproduzione di semplice scansioni ritmiche;
  •  Scoperta dei vari strumenti della banda musicale e saperli riconoscere ascoltandoli e osservandoli;

Per realizzare il primo e secondo punto e permettere ai bambini di riconoscere le differenzetra forte/piano, acuto e grave si farà uso di :

  • favole musicali, suoni registrati di vario tipo alle quale i bambini devono rispondere alle stimolazioni sonore tramite i movimenti e/o la voce;
  • canzoni per esercitare la voce alla produzione delle diverse tipologie sonore.

Per la realizzazione dei ritmi si utilizzeranno canzoni da realizzare prima con la body percussion (percussione corporea), poi con gli strumenti Orff.

Mentre per il quarto punto, verranno diversi musicisti a presentare i loro strumenti, facendoli ascoltare ed osservare attentamente ai bambini. I vari argomenti saranno collegati tra loro e introdotti da una storia tratta dal libro “NIDI DI NOTE  un cammino in dieci passi verso la musica”

Durante il laboratorio musicale i bimbi “grandi” saranno educati nel:

  • Saper ascoltare le situazioni sonore e musicali più disparate
  •  Essere più consapevoli degli oggetti che li circondano e dell’area sonora in cui sono immersi
  •  Fare uso della voce parlata attraverso la manifestazione di una corretta pronuncia carica di espressività
  •  Manifestare la proprio corporeità grazie alla musica
  • Saper suonare le prime combinazioni ritmiche di bodypercussion e gli oggetti richiesti
  • Saper suonare a tempo le prime combinazioni ritmiche di bodypercussion
  • Associare a determinati strumenti determinati movimenti e saperli riconoscere osservandoli e ascoltandoli